la locanda
Silvio D'Arzo
Casa d'altri
Anno: 2013
Pagine: 96
Genere: narrativa
Formato: 14x22 cm
ISBN: 978-88-98420-03-2
Prezzo: 10,00 €
A cura di: Andrea Casoli
Casa d’altri è il racconto lungo per cui è per lo più conosciuto Silvio D’Arzo. Rimasto sul tavolo dell’autore alla sua morte, subì infelici interventi da parte del curatore testamentario, per cui è risultato fondamentale il recupero del testo originale approntato nell’edizione critico-genetica di Stefano Costanzi, che qui si pubblica finalmente in volume a sé. L’ultimo racconto portato a termine da Silvio D’Arzo è anche il primo ascrivibile appieno alla sua maturità letteraria, con esiti assai maggiori rispetto agli altri suoi.  Questo testo, che le successive rimanipolazioni di D’Arzo hanno sempre più ridotto, asciugato, levigato, è l’emblema della sua reticenza e rappresenta in maniera misteriosa e potente l’intima natura e l’essenza di questo scrittore. Della voce narrante di Casa d’altri il lettore non sa quasi nulla, se non che è un prete con un corpaccione da Falstaff intorno alla sessantina. E la vecchia lavandaia Zelinda, che fa una vita simile a quella della sua capra, tace e di lei non si scorge nemmeno l’espressione del viso fin quasi alla fine del racconto, quando si decide a domandare al prete «se in qualche caso speciale, tutto diverso dagli altri, senza fare dispetto a nessuno, qualcuno potesse avere il permesso di finire un po’ prima». Intorno al dramma di questo interrogativo, ai silenzi e alle reticenze dei due personaggi, D’Arzo costruisce una poetica e inquietante metafora della solitudine e dell’inappartenenza di ciascun essere umano, destinato, in un modo o nell’altro, a vivere in «casa d’altri».


corsiero editore - P.Iva 01984990356 Credits - Dati Societari
 

Il sito web di Corsiero Editore non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". Per saperne di più Accetto